Feste sostenibili con le Stoviglioteche: facile trovarle con Junker App

sostenibilità – Grazie alle Stoviglioteche le feste sono più economiche e sostenibili.
Oggi per trovare la Stoviglioteca più vicina è sufficiente consultare la mappa offerta da Junker, l’applicazione Mobile per smartphone che aiuta i cittadini a differenziare in maniera corretta e rapida ogni singolo rifiuto domestico.
La ricerca è semplice. E’ sufficiente consultare i Punti di Economia Circolare dove le Stoviglioteche sono segnalate da un simbolo color rosa.

Ma che cosa è una Stoviglioteca?

La Stoviglioteca – come ci spiegano i responsabili della app – è un luogo dove poter prendere in prestito piatti, bicchieri, posate in materiali lavabili e quindi perfettamente riutilizzabili.
Il prestito può avvenire dietro cauzione, su offerta libera o facendo una tessera.
L’idea di fondo è quella di evitare l’uso di posate e stoviglie di plastica usa-e-getta durante feste, cene ed eventi con un gran numero di persone e quindi ridurre lo spreco attraverso il riuso e la condivisione.

L’idea originale si attribuisce a Linda Maggiori

L’idea della Stoviglioteca è decisamente originale. Artefice della soluzione sostenibile è Linda Maggiori, mamma di 4 bambini e ispiratrice di buone pratiche “zero waste” che racconta la nascita del progetto sulle pagine web del suo blog “Famiglie rifiuti zero”.

“Gestivo già una pannolinoteca, per il prestito dei pannolini lavabili dei bimbi.
In casa avevo già un kit di stoviglie lavabili per le feste dei miei bambini. Mi sono detta: esistono le biblioteche, perché non mettere in circolo con il prestito anche le stoviglie? Ho fatto un volantino e l’iniziativa ha riscosso subito un grande successo”.

Da Faenza al resto d’Italia

La prima Stoviglioteca è nata a Faenza, dove abita Linda, ma grazie al passaparola dei social, l’idea si è diffusa su tutto il territorio italiano, che oggi può contare su 40 realtà sparse un po’ in ogni regione dal nord al sud, con numeri in continua crescita.

Creare una stoviglioteca non è difficile, come ci spiega la stessa ideatrice.
“Partire è molto semplice: basta acquistare o raccogliere il kit da mettere in prestito e fare un po’ di pubblicità con il passaparola, con i volantini o con i social”.
Per pubblicizzare questa interessante realtà i social e la condivisione delle varie esperienze è determinante, per questo motivo è stato creato un apposito gruppo Facebook “Piccole stoviglioteche crescono”, nel quale si scambiano opinioni e si offrono consigli.

La junker app offre una mappa delle Stoviglioteche di Lucca, Senigallia, Cagliari, Bari e Niscemi, ma presto ne arriveranno altre.
Junker invita chi è a conoscenza di altre Stoviglioteche non ancora mappate di inviare una segnalazione a supporto@junkerapp.it.

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento