Ecovillaggio Montale: a Modena l’ecoquartiere che resiste ai nubifragi

eco ediliziaBio ed ecosostenibile ma soprattutto in grado di resistere alle difficoltà che sono conseguenza dei cambiamenti climatici.
L’ecovillaggio Montale a Modena si è sviluppato in un’ottica ambientale di resilienza al cambiamento climatico per il benessere delle persone.

Il progetto immobiliare, nato dall’idea degli imprenditori modenesi Silvia e Carlo Pini, punta alla ricerca del comfort attraverso l’utilizzo delle risorse disponibili in natura, senza contrastarla ma assecondandola con azioni di adattamento e mitigazione.

Costruire sostenibile

L’Ecovillaggio ha applicato i tre postulati indispensabili:
. non utilizzare combustibili fossili,
. riforestare,
. smettere di produrre rifiuti da smaltire.

Costruire ecosostenibile è possibile pensando a come il clima sta cambiando e a come gli effetti degli eventi meteoclimatici possano ripercuotersi sulla qualità di vita, sulla sicurezza dell’ambiente e delle persone.
Il tutto coniugato all’importanza dell’investimento immobiliare e alla realizzazione di case ecologiche, innovative e con un valore durevole nel tempo.
In altre parole una “eredità” da tramandare alle generazioni future.

L’elemento distintivo di Ecovillaggio: la progettazione urbanistica

Ecovillaggio Montale sorge in base ad un’attenta progettazione dell’area dove tutte le scelte sono volte ad usufruire di ciò che la natura offre gratuitamente, come la luce ed il calore del sole che unitamente all’acqua piovana sono fonte generatrice di vita e di energia.

“La riforestazione, effettuata con la scelta di essenze autoctone e selezionate per la capacità di assorbire CO2, permette di mitigare il caldo estivo grazie al potere di raffrescamento delle piante – ad esempio un pioppo raffresca come 5 condizionatori – come pure di assorbire le polveri inquinanti – spiegano gli imprenditori -.
Gli immobili sono stati realizzati sulla base dello studio dell’assonometria solare, tenendo conto del passo modulare tra un fabbricato e l’altro e considerando il punto in cui il sole sorge e tramonta offrendo così maggiore luce naturale alle abitazioni e massimizzando la autoproduzione di energia fotovoltaica”.

L’acqua un bene prezioso

Grazie alla raccolta e regimentazione delle acque piovane queste vengono trattenute in area e convogliate in falda.
L’obiettivo è utilizzare l’acqua come bene prezioso al momento del bisogno, ad esempio nei periodi più siccitosi, tenendo vivo l’intero impianto del verde.

I benefici per la sicurezza si estendono oltre lo stesso ecoquartiere evitando che l’acqua vada in fogna e crei allagamenti.
Ecovillaggio pertanto ricopre un ruolo sociale con la consapevolezza, purtroppo, che gli eventi meteoclimatici estremi e le conseguenze, come allagamenti ed esondazioni, siano destinati ad aumentare.

Nessuna emissione di CO2

Ecovillaggio non emette CO2 perchè ha completato la transizione verso le energie rinnovabili attraverso l’efficientamento energetico degli edifici. In più ogni anno solo grazie alla riforestazione assorbe oltre 100 tonnellate di CO2.

Nell’arco di 7 anni, Ecovillaggio ha evitato ed assorbito quasi un milione di tonnellate di CO2.

La mission rimane quella di eliminare gli sprechi, massimizzando il comfort dentro e fuori casa.

Un ecoquartiere in continua evoluzione

Nell’arco dei prossimi 2 anni Ecovillaggio sarà al centro di importanti sviluppi, non solo sul piano strettamente residenziale. Infatti entro il 2021 costruirà un asilo nido nZEB (acronimo di Nearly Zero Energy Building, utilizzato per definire un edificio il cui consumo energetico è quasi pari a zero) che metterà a disposizione di bambini dai 9 mesi ai 3 anni.

Sorgerà piazza Pavarotti con un centro servizi che comprenderà un mercatino biologico plastic free, una palestra, ed un bistrot in armonia con il parco cuore verde dell’ecoquartiere. Questi servizi aumenteranno i livelli di benessere degli abitanti di Ecovillaggio ma non solo. Infatti tutti potranno usufruire delle attività e progetti extra residenziali, creando un luogo di contaminazione virtuosa e di promozione sociale.

Al momento in Ecovillaggio abitano circa 70 famiglie ma il quartiere, come detto, è in continua evoluzione e nell’arco dei prossimi anni saranno realizzate le nuove palazzine ecosostenibili.

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento