Gli italiani scelgono l’agricoltura green e i prodotti a km zero

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

agricoltura – Il 90% degli italiani vorrebbe avere un mercato di agricoltori vicino casa per avere più possibilità di scelta e di acquisto.
Per ben l’86% è il rapporto diretto con il produttore o coltivatore a garantire la sicurezza dei prodotti alimentari.
Anche al ristorante, gli italiani sono attenti alla qualità: il 93% del campione apprezza che nel menù ci siano prodotti di stagione e il 90% quelli tipici e DOP o a Km 0.

Questi dettagli emergono dal VII Rapporto: “Gli italiani e l’agricoltura” realizzato da Fondazione UniVerde e IPR Marketing, in collaborazione con Coldiretti e Fondazione Campagna Amica.

Gli italiani e l’agricoltura

Aumenta la percentuale di italiani che pensa che gli agricoltori guadagnino poco, per il lavoro che svolgono, che passa dal 62% dello scorso anno al 65%. Un dato che dimostra il riconoscimento del valore sociale dell’agricoltitaliani - orto - agricolturaura. Il 78% degli intervistati non ha alcun dubbio nel valutare positivamente il ruolo degli agricoltori rispetto all’ambiente perché: mantengono in vita un’antica tradizione (per il 25%); fanno manutenzione del territorio, evitando frane e allagamenti (per il 21%); coltivano cibo biologico e creano occupazione (per il 16%).

Agricoltura multifunzionale

Il 67% conosce e apprezza l’agricoltura multifunzionale, quella che consente alle aziende agricole, grazie alla riforma dell’agricoltura del 2001, non solo di produrre cibo, ma anche di offrire servizi, trasformare i prodotti e venderli direttamente ai consumatori. Tra le attività più amate: farmers market (84%); produzione di energia rinnovabile (83%); fattorie didattiche (82%); agriturismo con ospitalità per dormire (81%); attività agro sportive (77%) e gli agri ospizi per anziani (68%)*. Rispetto agli agri asilo che si stanno diffondendo in Italia, l’86% sarebbe disposto ad iscrivere il proprio figlio.

«Gli italiani chiedono sempre più turismo e agricoltura sostenibili. Cresce il turismo in campagna – spiega Alfonso Pecoraro Scanio presidente Fondazione Univerde– e le attività ecoturistiche. Sarebbe un bel segnale nell’Anno internazionale del Turismo Sostenibile prevedere un eco bonus agrituristico che punti al turismo in campagna a impatto zero. Servono agevolazioni, anche burocragricoltura-trebbiatrice-granoatiche, per consentire la diffusione dei farmers market e della cultura del cibo sano e a km 0».

«Il riconoscimento sociale conquistato dall’agricoltura è il frutto del lavoro di generazioni che ha permesso all’Italia di poter contare sulle campagne piu’ green d’Europa con 4.965 prodotti alimentari tradizionali censiti, 291 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, ma anche la leadership in Europa con quasi 60mila aziende agricole biologiche e la scelta di vietare le coltivazioni Ogm e la carne agli ormoni a tutela della biodiversità e della sicurezza alimentare» ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare la capacità di innovazione con la multifunzionalità che ha portato in pochi anni «all’Italia il primato mondiale nei mercati contadini davanti agli Usa e Francia con la più vasta rete di vendita diretta degli agricoltori organizzata con proprio marchio del mondo grazie alla Fondazione Campagna Amica alla quale vanno riferimento oggi quasi ventimila agricoltori»

Prodotti agricoli e sicurezza alimentare

Tra i canali diretti di vendita dove acquistare prodotti agricoli: il 45% preferisce la fattoria, il 44% i farmeorto cultore, agricoltura, ragazzo, giovaners market e il 35% l’agriturismo. I prodotti italiani sono considerati più genuini (per il 64%), rispetto a quelli provenienti da altri Paesi*. Quelli freschi, più sicuri (per il 60%). Per ben l’86% è il rapporto diretto con il produttore o coltivatore a garantire la sicurezza dei prodotti alimentari*. Anche al ristorante, gli italiani sono attenti alla qualità: il 93% del campione apprezza che nel menù ci siano prodotti di stagione e il 90% quelli tipici e DOP o a Km 0*.

Commercio globale e agricoltura multifunzionale

Il 90% vorrebbe avere un mercato di agricoltori vicino casa per avere più possibilità di scelta e di acquisto. L’83%, infatti, preferirebbe acquistare frutta e verdura direttamente dagli agricoltori.
Il 45% del panel si fiderebbe di più ad acquistare un cosmetico fatto con prodotti naturali provenienti da un’azienda agricola.

02 giugno 2017

Articoli che potrebbero interessarti...

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento