Cinque soluzioni per garantirsi una casa eco-friendly

abitare sostenibile – Sempre più spesso i proprietari di casa scelgono soluzioni ad hoc per rendere le abitazioni maggiormente sostenibili.
Le nuove tendenze emergono anche dai dati dell’ultima ricerca realizzata da Houzz & Home, dettagli che riflettono la sensibilità al tema del vivere sostenibile.
La ricerca rileva come durante la ristrutturazione dell’immobile il 50% dei proprietari di casa privilegi l’efficienza energetica e il 19% dia priorità all’inserimento di materiali green.

Considerando anche semplici accorgimenti e nuove abitudini possiamo contribuire ulteriormente alla salvaguardia del Pianeta, partendo proprio dalle nostre case. Oggi, che ci apprestiamo a festeggiare il 50° anniversario del World Earth Day, ovvero la giornata mondiale della Terra, l’attenzione alla salvaguardia delle risorse del pianeta si rivela ancora più importante.

 

5 soluzioni per rendere le abitazioni più sostenibili

A supportare la ricorrenza Houzz – la piattaforma online leader mondiale nella ristrutturazione – suggerisce cinque soluzioni per rendere le nostre abitazioni più sostenibili, basandosi su tendenze e progetti osservati all’interno della propria community. Vediamole nel dettaglio.

1. Interpreta il vintage
Non è di certo una novità, eppure acquistare pezzi di arredo vintage assume oggi una nuova connotazione, sposando un modello economico, cosiddetto circolare, che fa del recupero e della reinterpretazione – e non della produzione ex novo – il trend da seguire. Il tocco in più? Stupire nell’arredo con una citazione colta, dando un’identità più ricercata a un interno, ma mantenendo pur sempre lo stile moderno.

2. Legno certificato
Per arredare la casa in stile Eco-friendly, è sicuramente d’obbligo scegliere materiali naturali.E quale più del legno? A questo proposito è però bene verificare che vi sia la certificazione FSC (ForestStewardshipCouncil), a conferma che il legname provenga da foreste gestite responsabilmente. È inoltre possibile scegliere tra altre soluzioni altrettanto green: un’alternativa proposta e molto apprezzata è il bambù.

3. Tessuti alternativi
Una delle ultime tendenze più attuali è l’acquisto di materiali in fibre innovative e sostenibili, al fine di evitare l’esaurimento delle materie prime e la produzione di enormi quantità di rifiuti. Tra le diverse possibilità, troviamo tessuti in cellulosa bio, fibre colorate con tinture naturali e sostanze chimiche non tossiche per ridurre l’inquinamento e nuovi tessuti realizzati con scarti alimentari, come un particolare filato derivante dai resti delle arance utilizzate per la spremitura.

4. Flusso d’acqua regolabile
Anche piccoli accorgimenti in bagno possono contribuire a risparmiare e, di conseguenza, a rendere l’ambiente casalingo più ecosostenibile. Un elemento determinante sotto questo punto di vista è la tipologia del soffione doccia: è consigliabile installarne uno dal flusso regolabile o a basso flusso. Questi soffioni sono infatti in grado di ridurre lo spreco d’acqua e consumano in genere 2 litri di acqua al minuto, contro i 6 dei soffioni meno recenti.

5. Ossigeno ai tuoi ambienti
Le piante fanno bene, a noi e alla nostra casa. Purificano l’aria, contrastano l’umidità, donano benessere e rendono gli ambienti più eleganti ed accoglienti, ossigenandoli. Tra le piante da interno più indicate ci sono l’aloe, che non emette anidride carbonica, e i bonsai, capaci di creare un’atmosfera Zen. Oppure la palma areca: le sue foglie, infatti, depurano l’aria catturando le particelle di gas nocive e rilasciano ossigeno.

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento