Fertilizzanti naturali fai da te rigorosamente a costo zero

fertilizzanti naturali – Le piante hanno sete di nutrimento, fosforo, azoto e microminerali, ed il fertilizzante è un prezioso alleato nella loro cura. I fertilizzanti naturali fai da te sono perfetti per essere aggiunti al terriccio delle piante e dell’orto.

I fertilizzanti naturali possono essere ricavati dai rifiuti organici prodotti dagli alimenti, dagli scarti di cucina e dai resti vegetali di alberi e piante. Fondi di caffè, gusci d’uovo, bucce, paglia, foglie secche ed aghi di pino lasciati fermentare per qualche giorno possono dare origine al compost, un fertilizzante naturale in grado di ammorbidire il terreno e nutrire le piante.

Compostando i rifiuti organici otterrete un concime ricco di azoto, fosforo, potassio e microlemementi, come manganese e magnesio, che rinforzano le radici delle piante, stimolano le foglie e favoriscono una crescita sana e rigogliosa dei fiori.

compostfondi di caffè rappresentano una preziosa fonte di azoto per le vostre piante, ricca di antiossidanti. Invece di buttarli nella spazzatura, sbriciolate i fondi di caffè e uniteli al terriccio delle piante. Anche da un trito sottile di gusci d’uovo e dalle bucce di banana tritate è possibile ricavare un ottimo concime.

Se disponete di un giardino, potete usare l’erba tagliata come fertilizzante naturale, da spargere sul prato o inserire direttamente nei vasi.

Si tratta di un’operazione semplice, che richiede semplicemente l’uso di una falciatrice elettrica, a rullo o a motore, o di un tagliaerba dotato di sistema mulching, per distribuire l’erba tagliata.

L’erba appena tagliata si decompone rapidamente e dona preziosi nutrienti al terriccio delle vostre piante.

Tra le sostanze da utilizzare direttamente come fertilizzanti naturali segnaliamo anche l’acqua di cottura delle verdure, il tè, la birra, la cenere, l’acqua minerale gassata, il lievito di birra e le piante selvatiche. Il lievito di birra funge anche da repellente naturale per molte specie di insetti.

18 luglio 2016

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento