Milano: piatti ‘eco’ nelle mense scolastiche

mense ecosostenibiliA partire da gennaio i piatti di plastica saranno banditi dalle tavole dei più piccoli. Le mense scolastiche infatti adotteranno l’uso di piatti biodegradabili da buttarsi direttamente nel sacchetto dell’umido.

La novità parte dalla primarie milanesi per poi estendersi a tutte le altre classi del capoluogo lombardo.

La svolta ecologica è targata Milano Ristorazione, una scelta coerente con l’orientamento comunitario, nazionale e del Comune di Milano in tema di politiche ambientali finalizzate alla trasformazione dei rifiuti in risorse.

Milano Ristorazione, prima di indire la gara d’appalto, ha voluto conoscere più da vicino la tematica, affidandosi alla competenza di Walter Ganapini, esperto riconosciuto di politiche ambientali, affinché le caratteristiche del prodotto da ricercare fossero definite con cura e il risultato atteso più efficace.

Ogni giorno nelle refezioni della città lombarda, dove consumano i pasti i più piccoli, finiscono direttamente nella pattumiera circa 160mila piatti di plastica.
Scodelle, bicchieri, posate per un totale di circa 445 tonnellate di plastica l’anno, che solo dal 2013 non vengono cestinate nell’indifferenziata ma riciclate.

Ora però Milano Ristorante è pronta ad affrontare un ulteriore passo in avanti portando in tavola, a partire da gennaio, il nuovo materiale bio che consentirà un risparmio di 40 tonnellate di plastica, più della metà di quella prodotta in tutte le refezioni.

«I prodotti monouso compostabili aiutano anche a gestire meglio i rifiuti, i bambini non dovranno più eliminare i residui di cibo dai piatti per separare correttamente i due rifiuti, ma con un solo gesto butteranno entrambi nel sacco dell’umido» spiegano i responsabili di Milano Ristorazione.

Nell’anno di Expo 2015 saranno 46000 gli alunni coinvolti da un cambiamento epocale per una città delle dimensioni di Milano, un primo passo al quale seguirà l’estensione a tutte le altre scuole di ogni ordine e grado.

21 ottobre 2014

Articoli che potrebbero interessarti...

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento