Quanto sono green gli europei? A stabilirlo arriva My Green IQ

comportamento green – Appassionato di green? Ma quanto ciascuno di noi è veramente attento all’ambiente?
A dimostrarlo sono i dati raccolti da My Green IQ. La ricerca,  commissionata da Vaillant e condotta da Tns, sottolinea come i comportamenti delle persone verso l’ambiente cambino in base al paese e come siamo applicati nella vita quotidiana.

L’indagine ha coinvolto circa 13.500 persone da 13 paesi su vari argomenti legati alla sostenibilità, tra cui l’apporoccio al consumo, la mobilità e il consumo energetico.

L’indice verde emerge dalle risposte degli intervistati, interrogati su temi che vanno dai consumi energetici alle abitudini relative alla mobilità, dalla natura al coinvolgimento sociale, il tutto tenendo in debita considerazione i comportamenti reali e le buone intenzioni.

La ricerca riserva grandi sorprese, a partire dalla classifica generale. L’Italia conquista una posizione di tutto rilievo occupando il gradino più basso del podio, preceduta soltanto dall’Austria, al secondo posto, e dalla Turchia, al primo. Una classifica, che vede Paesi come la Germania, l’Olanda, la Francia e il Regno Unito, occupare la metà bassa della gpianeta - ambiente - green - terra - mani - mondoraduatoria, a dispetto di un’immagine particolarmente green che solitamente li accompagna.

Dall’indagine emerge una particolare sensibilità degli italiani nei confronti dei temi ambientali, considerati da più di un terzo della popolazione di importanza fondamentale, e che spinge uno su tre dei nostri concittadini a incitare gli altri ad assumere comportamenti più responsabili.

Dalle risposte si evince che sono soprattutto le donne a sostenere la causa ‘green’, così come gli over 55 si dimostrano più sensibili all’argomento rispetto ai giovani adulti (25-34). Particolarmente sentita è la tematica legata al consumo energetico degli edifici. Tanto da essere, per gli italiani, un fattore condizionante nell’acquisto di una casa: l’Italia si posiziona infatti al terzo posto fra i Paesi considerati; a convalidare questa attitudine anche il secondo posto ottenuto nell’importanza attribuita alla smart home.

In termini di innovazione, gli europei in genere vorrebbero avere impianti di riscaldamento intelligenti, in grado di autoregolarsi (56%) e controllabili attraverso un’app direttamente dal proprio smartphone (31% media europea, 38% Italia). I nostri connazionali si dimostrano poi particolarmente consapevoli dell’importanza di un impianto di climatizzazione efficiente. Il 35% degli abitanti del Belpaese è cosciente del fatto che sostituire vecchi sistemi di riscaldamento con moderne tecnologie rappresenti il modo migliore per risparmiare energia e ridurre le emissioni (CO2).

A questa consapevolezza, diffusa tra l’alambiente Alpi panorama montagnetro anche nel resto d’Europa, non corrisponde però – in tutto il Continente – una reale disponibilità a spendere di più per tecnologie di riscaldamento sostenibili ed efficienti.  Significativo il fatto che, malgrado solo il 14% degli italiani si dichiari pronto a questo tipo di investimento, tale percentuale porti comunque al secondo posto in questa particolare categoria, preceduti solo dai turchi, con il 17%.

Tra le incoerenze degli europei emerge quella relativa ai comportamenti finalizzati alla salvaguardia dell’ambiente. Nonostante le tante buone intenzioni espresse, nei fatti solo 1 europeo su 5 dichiara di comportarsi in modo da preservare la natura per le generazioni a venire (un italiano su tre).

In conclusione, sommando le buone intenzioni e i corrispettivi comportamenti degli europei si ottiene un indice di Green IQ non proprio esemplare. Eccezion fatta per gli italiani, che registrano un valore di tutto rispetto con un indice di Green IQ pari a 117, dietro la Turchia (127) e l’Austria (123).

06 maggio 2016

Articoli che potrebbero interessarti...

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento