Nel 2030 il 70% della popolazione vivrà in città: cresce domanda idrica

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

aumento della domanda energetica e idrica – Nei prossimi dieci anni il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, per questo sarà necessario affrontare tematiche quali lo sviluppo sostenibile, le risorse idriche e i cambiamenti climatici.

Alla luce di tutto questo diverse organizzazioni hanno unito le forze per dare il loro sostegno.
Local Governments for Sustainability (ICLEI), United Cities and Local Governments (UCLG), la Global Water Operators’ Partnerships Alliance (GWOPA/UN-Habitat), la Confederazione Brasiliana delle Municipalità (CNM) e il Consiglio Mondiale dell’Acqua (WWC) stanno riunendo allo stesso tavolo i decision-maker, i leader locali e gli esperti del settore al fine di affrontare le sfide legate all’acqua a livello locale.

L’urbanizzazione fra le tendenze più trasformative del ventunesimo secolo

Quest’anno, le Nazioni Unite hanno scelto il tema Innovative Governance, Open Cities per mettere l’accento sull’importanza dell’urbanizzazione come fonte di sviluppo globale e inclusione sociale.
L’urbanizzazione in atto è una delle tendenze più trasformative del ventunesimo secolo.

Le città sono il motore trainante della crescita economica sostenibile, dello sviluppo e della prosperità sia nei paesi sviluppati sia in quelli in via di sviluppo.
Attualmente, il 54% della popolazione mondiale (4 miliardi di persone) vive in aree urbane.
Entro il 2030, 2 miliardi di persone si saranno trasferite in città, con un impatto senza precedenti sulle infrastrutture e le risorse esistenti, soprattutto per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico. Le dieci città più popolose al mondo saranno Tokyo (37.2 milioni), Delhi (36.1 milioni), Shanghai (30.8 milioni), Mumbai (27.8 milioni), Pechino (27.7 milioni), Dacca (27.4 milioni), Karachi (24.8 milioni), Il Cairo (24.5 milioni), Lagos (24.2 milioni) e Città del Messico (23.9 milioni).

Dal 2016 al 2030 il 35% dell’aumento della popolazione interesserà 10 mega-città

Dal 2016 al 2030, circa il 35% dell’aumento della popolazione interesserà queste 10 mega-città. Si prevede che entro il 2030 le aree urbane nei paesi in via di sviluppo quali Karachi, Lagos e Dacca supereranno città come New York, Osaka e São Paulo. Questo comporterà un aumento del 50% della domanda energetica e idrica, mettendo alla prova le risorse esistenti e minacciando la sicurezza dell’acqua a livello globale, con ricadute sulla salute pubblica, le economie e lo sviluppo delle regioni interessate.

Le soluzioni a livello locale sono le più adeguate per rispondere a problemi di natura locale.
Inoltre, è necessario considerare l’impatto sugli ecosistemi idrici costieri, dal momento che tre quarti della popolazione di queste mega-città (76%) vivrà in prossimità del mare. Per questo, gli enti locali e regionali stanno guidando iniziative che possano rispondere alle possibili problematiche in tema idrico, quali gap nella fornitura domestica, i cambiamenti climatici e la crescente domanda di cibo, energia e acqua.

I cambiamenti climatici rappresentano sfida di primaria importanza per le città

I cambiamenti climatici rappresentano una sfida di primaria importanza per le città, dato che entro il 2030 il 40% della popolazione mondiale vivrà lungo bacini fluviali che potrebbero presentare problemi di vario genere dovuti all’acqua, e il 20% sarà a rischio alluvioni.

“Le alluvioni e gli eventi di siccità sono aumentati a livello globale e l’impatto è devastante. Le città del mondo stanno già subendo gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Le infrastrutture e le abitazioni subiscono danni irreparabili; per questo chiediamo ai governi di essere consapevoli degli effetti positivi che le infrastrutture idriche possono avere nel migliorare o aiutare a gestire simili circostanze”, ha commentato il presidente del Consiglio Mondiale dell’Acqua Benedito Braga. I finanziamenti dovrebbero quindi interessare le aree e infrastrutture urbane e rurali ed essere al servizio di queste città e dei bisogni a livello locale, che necessitano di soluzioni a livello locale.

In questo solco si collocano vari accordi globali patrocinati dalle Nazioni Unite, quali l’Accordo sul Clima di Parigi, la New Urban Agenda, il Sendai Framework e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG). L’investimento in campo idrico è quindi un fattore chiave nel dar vita a città più sane e con più risorse, garantendo maggiori opportunità di progresso per tutti gli abitanti.

L’accordo di partnership appena siglato è un passo importante verso la preparazione e l’organizzazione della Conferenza degli Enti Locali e Regionali che si terrà in concomitanza con il World Water Forum tra il 18 e il 23 marzo 2018 a Brasilia. È attesa una presenza di oltre 30.000 partecipanti al Forum, tra cui leader globali, opinion maker, esperti e professionisti del settore con l’obiettivo di mettere in moto un cambiamento positivo per un mondo con acqua sicura.

Articoli che potrebbero interessarti...

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento