La differenziata approda in tv con la fiction “Amore pensaci tu”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

raccolta differenziata – Quattro famiglie non convenzionali, moderne e accomunate da un’anima “green”, impegnate nella loro quotidianità e riprese all’interno delle loro case sono le protagoniste della nuova fiction “Amore pensaci tu” che debutterà a febbraio in prima visione assoluta su Canale 5.

Una fiction che diventa così lo specchio della vita reale delle famiglie italiane e che, grazie alla collaborazione dei Consorzi Nazionali per il Riciclo di Plastica (Corepla), Carta e Cartone (Comieco) e Alluminio (Cial), mette in luce il valore dell’attenzione all’ambiente e del senso civico andando a sottolineare l’importanza di una delle pratiche quotidiane e diffuse: la raccolta differenziata. smaltimento rifiuti - differenziata

La collaborazione, fortemente voluta da Mediaset, va al di là del tipico “product placement” proprio per l’interesse sociale e collettivo che i tre Consorzi perseguono con la loro attività.

Tutti noi abbiamo a che fare, ad esempio, con bottiglie e flaconi di plastica, scatole e imballaggi di carta, oppure con vaschette e lattine di alluminio, confrontandoci con il loro smaltimento, la raccolta differenziata e il loro riciclo, attività che rappresentano ormai uno stile di comportamento perfettamente integrato nella nostra vita di tutti i giorni. È proprio per questo che Mediaset, dovendo raccontare la vita quotidiana di 4 famiglie, ha voluto che questi temi venissero trattati in ogni puntata.

Senso civico e comportamenti virtuosi come fare la raccolta differenziata si insegnano, infatti, a partire dall’esempio.

Quale migliore contesto, quindi, se non la famiglia e le mura domestiche per raccontare e sensibilizzare il pubblico sul valore che si nasconde dietro alcuni gesti, semplici ma di grande importanza: ricordarsi che nella raccolta differenziata della plastica vanno inserite anche le stoviglie monouso come piatti e bicchieri, buttare uno scontrino fiscale nell’indifferenziato anzraccolta differenziara imballaggiiché nel contenitore dei rifiuti di carta, piuttosto che quello di separare, nel caso dell’alluminio, non soltanto le lattine per bevande ma anche vaschette, scatolette e il foglio sottile.

Si tratta di piccoli e semplici gesti che caratterizzano ormai quasi inconsapevolmente le nostre giornate ma che possono fare la differenza per l’ambiente, per le nostre città e per una nuova economia circolare che permette, attraverso la raccolta e il riciclo, produzione di nuova materia prima.

Gli ultimi dati Ipsos disponibili (2015) sul senso civico degli Italiani confermano l’importanza di pratiche quotidiane di attenzione all’ambiente come la raccolta differenziata, ritenute positive da 9 Italiani su 10 perché capaci di generare vantaggi per l’intera collettività. Una realtà ampiamente dimostrata dai risultati raggiunti nelle raccolte differenziate di plastica, carta e cartone, e alluminio, cresciute in maniera considerevole tanto da rendere il nostro Paese un esempio virtuoso in tutta Europa.

02 febbraio 2016 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli che potrebbero interessarti...

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento