Con #AllungaLaVita la plastica da rifiuto a ciondolo portachiavi

la seconda vita della plastica – I protagonisti del ciondolo-portachiavi che caratterizza la nuova campagna di sensibilizzazione #AllungaLaVita sono due pesci in plastica, uno verde acqua e uno blu, uno in Pet e uno in Pe.

L’iniziativa realizzata da Ippr, Federazione Gomma Plastica in collaborazione con Legambiente, nasce con l’intento di sensibilizzare cittadini, Istituzioni e organi di informazione sulla corretta gestione dei rifiuti di plastica e sulle conseguenze di una cattiva raccolta differenziata e dell’abbandono.

Un progetto che ha portato alla realizzazione di un ciondolo con plastiche post-consumo che includono per una percentuale quelle raccolte sulla spiaggia di Coccia di Morto dai volontari di Legambiente nell’ambito della campagna “Spiagge e fondali puliti”.

Una concreta testimonianza dell’importanza di una corretta gestione dei rifiuti e dell’impegno dell’industria italiana per incrementare quantità e qualità del riciclo, in linea con le indicazioni della Plastic Strategy europea.

Da rifiuto a ciondolo

I rifiuti in plastica raccolti sulla spiaggia romana, vicina all’aeroporto di Fiumicino e non distante dalla foce del Tevere, famosa per essere stata set di un film di successo, sono stati inviati a un impianto di selezione dove sono stati suddivisi per tipologia di polimero e infine avviati a riciclo presso l’impianto della Montello spa.

Le frazioni in poliestere e polietilene provenienti dal litorale, uniti ad altri polimeri provenienti dalla filiera della raccolta differenziata, sono state utilizzate per realizzare i ciondoli.

Una seconda vita per la plastica, sotto il segno di un’economia circolare, a tutto vantaggio di un ambiente più pulito.

Il progetto è promosso e supportato dal “Tavolo permanente per il riciclo di qualità”, di cui fanno parte Federazione Gomma Plastica, IPPR-Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo, Corepla, Enea, ISPRA e Legambiente.

Ricerca, produzione, educazione

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, pellet in plastica, tappi e cannucce sono tra i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese, e a una non corretta raccolta differenziata. Anche questo tipo di rifiuto, però, può essere avviato a riciclo, e i due pesci possono raccontarlo.

L’iniziativa #AllungaLaVita ha rappresentato una prima, importante collaborazione tra istituti di ricerca, associazioni e imprese sulla caratterizzazione del beach litter, propedeutica allo sviluppo di un piano di riciclo per questi materiali.

Al tempo stesso è un’opera di sensibilizzazione di consumatori e imprese per porre una maggiore attenzione nella gestione quotidiana dei rifiuti, rimuovendo abitudini errate e incentivando la raccolta differenziata.

La campagna di educazione ha anche prodotto un Decalogo di ecologia quotidiana: dieci semplici buone abitudini per una corretta raccolta differenziata e per un riciclo virtuoso delle plastiche monouso.

Articoli che potrebbero interessarti...

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento