Aree protette in Europa: Wwf “ancora troppa tutela sulla carta”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

natura e aree protette – E’ un dato di fatto che oltre la metà delle aree naturali europee sono protette solo sulla carta: la causa sono i ritardi e le inadempienze diffuse nei vari Stati membri.
A denunciarlo è il nuovo rapporto del Wwf dove vengono illustrati gli enormi vantaggi per le specie minacciate e le economie locali prodotti dall’applicazione concreta di  misure efficaci di tutela sia da parte della Commissione europea sia da parte delle autorità nazionali.

La Commissione europea ha confermato di recente che le Direttive Uccelli e Habitat rappresentano il quadro normativo sulla conservazione più rigoroso d’Europa e si è impegnata a rafforzare ulteriormente la loro efficacia.

Il nuovo rapporto del WWF “Prevenire parchi di carta: come far funzionare le leggi sulla natura europee” offre un’ampia panoramica dei principali problemi che si devono affrontare ‘sul campo’ e le soluzioni più efficaci per  applicare correttamente queste Direttive.

Le risposte urgenti richieste dal WWF e le soluzioni migliori descritte tartaruga - marenel report, sono: aumento del numero delle aree marine protette, misure e piani efficaci per tutti i siti naturali comunitari, maggiori investimenti e un migliore monitoraggio e applicazione degli obblighi di legge. Queste misure potrebbero garantire una natura europea realmente protetta e ripristinata nella sua integrità.

Dove le Direttive Natura dell’Ue “sono state applicate correttamente i successi sono già evidenti – si legge nel report – Ciononostante, gran parte della natura in Europa è ancora in declino e l’Unione Europea rischia di non raggiungere l’obiettivo di arrestare e invertire la perdita di biodiversità e dei servizi ecosistemici entro il 2020. Solo il 23% delle specie animali e vegetali e il 16% degli habitat protetti, ai sensi della Direttiva Habitat, presentano un buono stato di conservazione”.

“In Europa abbiamo leggi sulla natura tra le più forti nel mondo, ma allo stesso tempo stiamo perdendo ogni giorno specie e habitat a causa di attività economiche illegali. La tutela rischia di rimanere solo sulla carta se non è sostenuta da una gestione efficace e un adeguato finanziamento sul territorio. Il nostro report rivela ciò che le istituzioni dell’Ue e le autorità nazionali devono fare con urgenza per arrestare la perdita dei sistemi naturali e perseguire l’obiettivo di un urgente uso sostenibile delle nostre risorse naturali”, sottolinea Andreas Baumüller, responsabile delle Risorse naturali dell’Ufficio Wwf per la Policy europea.

Come mostra il report siti naturali unici come le zone umide, le montagne incontaminate, i fiumi e le aree marine sono minacciati da un mix fatto di cavilli legali, mancanza di adeguate valutazioni di impatto ambientale e piani di gestione inesistenti o inadeguati. Il rapporto segnala anche alcune buone pratiche già messe in atto in molte aree protette con notevoli benefici per la fauna selvatica, le popolazioni locali e le loro economie.

13 febbraio 2017

Articoli che potrebbero interessarti...

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento