3a edizione di Keep Clean and Run: 350 km per salvare l’ambiente

lotta all’abbandono dei rifiuti – Sta per partire la terza edizione di Keep Clean and Run – Pulisci e Corri, eco-trail di 350 chilometri che partirà sabato 1 aprile dal Parco del Vesuvio e si concluderà venerdì 7 aprile nel Parco dell’Etna, coinvolgendo quattro Regioni del Sud Italia: Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Un appuntamento che rappresenta l’evento centrale italiano di Let’s Clean Up Europe, campagna europea contro l’abbandono dei rifiuti (littering) che si terrà in tutto il continente dal 1 marzo al 30 giugno 2017.

Keep Clean and run - pulisci e corriLa corsa, promossa da AICA – Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stata presentata a Roma, alla presenza di una rappresentanza del Ministero guidata dalla Sottosegretario di Stato on. Barbara Degani, dei Comuni sede di tappa, degli sponsor e di tutti protagonisti di questa manifestazione che coinvolgerà ampio territorio del sud Italia.

A introdurre l’incontro Mauro Evangelisti, giornalista de Il Messaggero, che ha presentato il libro della scorsa edizione, dal titolo “A piedi da San Benedetto del Tronto a Roma” (Fusta Editore), che racconta le gesta dei runner durante l’edizione 2016 dell’iniziativa, in centro Italia.

A seguire l’eco-runner Roberto Cavallo, presidente di AICA e divulgatore ambientale (già autore della rubrica dedicata all’economia circolare per Scala Mercalli in onda su RaiTre), ha illustrato in dettaglio le sette tappe che affronterà a partire dal 1 aprile, accompagnato da altri runner (tra cui diversi “campioni”) e testimonial.
spiaggia - rifiuti
L’eco-trail partirà dalla cima del Vesuvio sabato 1 aprile e si concluderà venerdì 7 aprile alle pendici dell’Etna. In ognuna delle sette tappe Cavallo correrà raccogliendo i rifiuti abbandonati che troverà lungo il percorso, fotografando e mappando quelli che non riuscirà a raccogliere. Le tappe dell’eco-trail saranno, nell’ordine: Parco del Vesuvio, Amalfi (SA), Paestum (SA), Pollica (SA), Maratea (PZ), Rotonda (PZ), Parco della Sila, Catanzaro, Taurianova (RC), Riace (RC), Reggio Calabria, Messina e Parco dell’Etna. Previste, inoltre, numerose tappe intermedie.

Nei Comuni in cui “Keep Clean and Run – Pulisci e Corri” farà tappa, la popolazione – a partire da scuole, famiglie e associazioni del territorio – sarà invitata a partecipare a un evento di pulizia del territorio e a un incontro-dibattito, durante il quale verranno presentate le finalità dell’iniziativa e la campagna europea, concentrandosi poi sui dati legati all’azione di pulizia.

L’iniziativa vuole sensibilizzare la popolazione e i media sul fenomeno del littering, ponendo l’attenzione sull’origine di tali rifiuti. La scelta di incentrare l’evento sportivo negli eco-sistemi montano e marino, infatti, nasce dalla consapevolezza che oltre il 70% dell’inquinamento dei mari ha origine nell’entroterra. Oltre alla pulizia del territorio in senso stretto, saranno anche messe in risalto le filiere virtuose di gestione e trattamento dei rifiuti.

mare rifiutiPer l’edizione 2017 AICA realizzerà un documentario per raccontare la corsa con la regia di  Mimmo Calopresti, autore di film quali “Preferisco il rumore del mare”, “L’abbuffata”, “La fabbrica dei tedeschi” e molti altri.
All’iniziativa del 2017 hanno già aderito a vario titolo diverse personalità del mondo dello sport, della società civile e naturalmente dell’ambiente.

“Keep Clean and Run – #pulisciecorri” è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare e dalla Camera dei Deputati nonché da numerosi Comuni ed Enti Parco coinvolti.

È resa possibile grazie al sostegno di Greentire, Conai, CiAl, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea, Rilegno, AVR SpA, Tetra Pak, Mercatino srl, Entsorga, Fise Assoambiente, 100% Campania, Acciaierie di Sicilia ed E.R.I.C.A. Soc. Coop. e con il supporto del Comitato promotore nazionale della SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti) composto da Legambiente, Utilitalia, Città Metropolitana di Roma capitale e quella di Torino, Comitato UNESCO e ANCI.

03 marzo 2017

Articoli che potrebbero interessarti...

Scritto da

Nessun Commento.

Lascia un Commento

Commento